Il materasso Plaffy può essere detratto in quanto dispositivo medico oppure attraverso il bonus mobili.

Come detrarre Plaffy come dispositivo medico

I dispositivi medici sono tra le spese che è possibile detrarre dalla dichiarazione dei redditi tramite modello 730 o modello Unico, in quanto rientrano nelle spese sanitarie. Le spese per i dispositivi medici sono detraibili al 19%, sia che siano effettuate a nome del contribuente o per conto di un familiare a carico.

Per detrarre Plaffy bisogna essere in possesso della fattura sulla quale devono comparire la descrizione del dispositivo medico acquistato e il soggetto che ha sostenuto la spesa. Oltre alla fattura, bisogna anche essere in possesso della documentazione relativa alla marcatura Ce, cioè la certificazione di conformità, che troverete nella scatola. Una volta verificati questi documenti, si può dichiarare la spesa per il materasso Plaffy nella dichiarazione dei redditi tra le spese detraibili nel 730 o nel modello Unico, insieme alle spese farmaci detraibili e la detrazione spese mediche.

Come detrarre Plaffy attraverso il bonus mobili

La spesa per uno o più materassi Plaffy può essere recuperata al 50% se è in corso una ristrutturazione edilizia. Per ristrutturazione si intende: riqualificazione energetica, restauro conservativo, manutenzione straordinaria.

Per avvalersi del bonus mobili è necessario che Plaffy sia acquistato dopo la data dell’inizio della ristrutturazione e che sia pagato attraverso un bonifico bancario/postale o con carte di credito/debito. Bisogna essere in possesso della fattura dove sono presenti i dati e il codice fiscale del dichiarante. Questa documentazione va poi allegata alla dichiarazione dei redditi: il 50% della spesa effettuata per il materasso verrà restituita ripartendola per 10 anni. I documenti vanno conservati per almeno 15 anni.